FISIOTERAPIA STRATEGICA - Master

0 Rating
4100,00 €
3690,00 €
Risparmia:
410,00 €

entro il 05/09/2022
ALTRI SCONTI E OFFERTE

Quota di iscrizione rateizzabile­­ (€ 500 all’iscrizione)

Direttore scientifico: Sabino de Bari

MILANO- Viale E. Forlanini, 65

inizio 5 novembre 2022

12 moduli - 192 ORE

48 ECM per il 2022 + 50 ECM per il 2023

Destinatari: Fisioterapisti, Medici, Osteopati, Massofisioterapisti, Studenti

SCARICA IL PROGRAMMA

 

DIRETTORE SCIENTIFICO:   Sabino DE BARI

 

 



Il Master in Fisioterapia Strategica® si propone di fornire un modello di trattamento per i principali disturbi muscolo-scheletrici.
Il Partecipante avrà un panorama completo di come approcciare le problematiche del paziente che sono spesso la sommatoria di disordini somatici, viscerali, relazionali ed emozionali.
Verranno inoltre apprese le tecniche tipiche del Coaching strategico (del Prof. Giorgio Nardone) che permetteranno al professionista di aiutare quei pazienti le cui emozioni giocano un ruolo fondamentale nella genesi dei disturbi e dei sintomi.
L’integrazione “strategica” tra la terapia manuale, la medicina tradizionale cinese, lo Shiatsu e lo Yoga, e le tecniche di coaching consente di incrementare l’efficacia e l’efficienza del trattamento.

Le principali tecniche utilizzate nella Fisioterapia Strategica® sono:

  • Mobilizzazione articolare e fasciale di scuola osteopatica,
  • Tecniche craniosacrali
  • Esercizi di neurodinamica
  • Esercizi posturali Mézières e posizioni yoga
  • Coaching strategico
  • Basi di medicina tradizionale cinese

Orari: sabato e domenica h. 9.00-18.00

MODULO 1

5-6 NOVEMBRE 2022
Approccio fasciale ai disordini muscoloscheletrici: teoria e pratica.

MODULO 2

26-27 NOVEMBRE 2022
L’approccio strategico al diaframma toracico: valutazione e trattamento e rieducazione respiratoria.

MODULO 3

17-18 DICEMBRE 2022
Le basi del trattamento cranio sacrale nella fisioterapia strategica. Prima parte

MODULO 4

14-15 GENNAIO 2023
Le basi del trattamento cranio sacrale nella fisioterapia strategica. Seconda parte

MODULO 5

18-19 FEBBRAIO 2023
Approccio strategico alle disfunzioni cervicali: valutazione e trattamento.

MODULO 6

4-5 MARZO 2023
Le disfunzioni iliache e sacrali: valutazione e trattamento.

MODULO 7

25-26 MARZO 2023
Il coaching strategico nella fisioterapia. Prima parte

MODULO 8

22-23 APRILE 2023
Le basi dello shiatsu e medicina tradizionale cinese. Prima parte

MODULO 9

6-7 MAGGIO 2023
Le basi dello shiatsu e medicina tradizionale cinese. Seconda parte

MODULO 10

27-28 MAGGIO 2023
Approccio al paziente odontoiatrico.

MODULO 11

17-18 GIUGNO 2023
Approccio al paziente pediatrico.

MODULO 12

2-3 LUGLIO 2023
Il coaching strategico nella fisioterapia. Seconda parte

MODULO 1

GIORNO 1

Teoria

Il tessuto fasciale

  • Generalità
  • Embriologia
  • L’endoderma
    • Il mesoderma
    • L’ectoderma

I campi di forza che originano i tessuti, esperienza palpatoria.

  • Il tessuto connettivo
    • Generalità
    • La matrice extracellulare
  • La Sostanza Fondamentale
  • La componente fibrillare
  • Le cellule del tessuto connettivo
  • Tipi di tessuto connettivo
  • Il sistema fasciale
  • Funzioni del tessuto fasciali
  • Le catene fasciali
  • Le catene lesionali ascendenti, discendenti, omolaterali e crociate
  • I recettori fasciali
  • Il ritmo respiratorio primario (MRP)

Pratica

Ascolto e manipolazione fasciale

  • Ascolto fasciale
    • Ascolto del MRP
    • Ascolto globale in piedi
    • Ascolto supino
    • Ascolto segmentario dalle spalle
    • Ascolto segmentario dai piedi
    • Trattamento della Fascia cervicale superficiale
    • Trattamento della fascia femorale
    • Trattamento fasciale delle distorsioni di caviglia in fase acuta, sub-acuta cronica
  • Trattamento delle cicatrici

GIORNO 2

Teoria e pratica

  • Pompage e trattamento fasciale del muscolo trapezio
  • Pompage e trattamento fasciale del muscolo sterno-cleido-mastoideo
  • Trattament odella catena anteriore del collo
  • Trattamento della fascia superficiale toracica
  • Trattamento della fascia pettorale e del muscolo piccolo pettorale
  • Tecniche fasciali e neurodinamiche per lo stretto toracico
  • Trattamento fasciale, manuale e stretching del muscolo piriforme
  • Trattamento fasciale e stretching del muscolo ileo psoas
  • Trattamento fasciale e stretching del muscolo quadrato dei lombi
  • Trazione dura madre spinale
  • Trattamento manuale e neurodinamico della dura madre spinale

MODULO 2

GIORNO 1

Teoria

  • Anatomia: scheletro e articolazioni della gabbia toracica.
  • Fisiologia del movimento toracico nei vari distretti.

Pratica

  • Valutazione del torace durante le fasi respiratorie
  • Mobilizzazione del torace basso
  • Mobilizzazione del torace medio

Teoria

  • Rapporti anatomici del muscolo diaframma
  • Innervazione del muscolo diaframma, il nervo frenico
  • Biomeccanica e fisiologia respiratoria

Pratica

  • Osservazione della meccanica respiratoria e del torace nel suo insieme
  • Valutazione dei muscoli accessori della respirazione
  • Disfunzione in inspirazione
  • Disfunzione in espirazione
  • Test di mobilità
  • Valutazione centro frenico
  • Test di valutazione dei pilastri diaframmatici
  • Tecnica indiretta sullo sterno
  • Tecnica diretta sullo sterno

TECNICHE DI NORMALIZZAZIONE DEL DIAFRAMMA

  • tecnica monolaterale
  • tecnica bilaterale

GIORNO 2

Pratica

  • Tecniche sul centro frenico
  • Pompage diaframmatici
  • Stretching del diaframma

Trattamento dei pilastri diaframmatici
Valutazione e trattamento del muscolo psoas

  • Test di Thomas
  • Tecniche a energia muscolare sul muscolo psoas
  • Stretching del muscolo psoas
  • Posizioni per la riattivazione del muscolo psoas

Esercizi respiratori

  • Respirazione triangolare
  • Respirazione quadrata
  • Respirazione frazionata

MODULO 3

GIORNO 1

Introduzione all’approccio cranio sacrale:

  • Perché occuparsi del cranio nel trattamento del paziente
  • Quando (su quali pazienti, in quale momento della seduta e in quale momento del percorso di trattamento)
  • A quale scopo (quali disturbi andiamo a trattare e quali effetti possiamo ottenere)

Un po’ di storia; parliamo dei pionieri Sutherland e Magoun

Le basi: il movimento di respirazione primaria e i suoi 5 elementi:

  • Motilità intrinseca del nevrasse
  • Fluttuazione del liquor
  • Mobilità delle membrane a tensione reciproca
  • Mobilità articolare delle ossa del cranio
  • Mobilità involontaria del sacro fra le iliache

Anatomia ed embriologia: sviluppo embriologico SNC

  • Meningi e liquor
  • Sistema ventricolare
  • Seni venosi della dura madre
  • Punti di repere anatomici sul cranio

Esperienza pratica

  • Palpazione cranio con presa Fronto Occipitale
  • Palpazione cranio con presa a 5 dita

GIORNO 2

La Sincondrosi Sfeno Basilare

  • Anatomia Sfenoide
  • Anatomia Occipite

Assi di movimento e schemi funzionali della SSB

  • Flesso Estensione
  • Flessione
  • Estensione
  • Torsione
  • Flessione Laterale Rotazione
  • Strain Verticale Sfenoide Alto
  • Strain Verticale Sfenoide Basso Strain Laterale Compressione

Ossa della base cranica e Ossa della Volta

  • Come si muovono in base alla SSB

Quadranti Anteriori e Posteriori del cranio
Quali ossa e come si muovono
Assi di movimento e schemi funzionali del Sacro fra le iliache

  • Flesso estensione
  • Flessione
  • Estensione
  • Torsione
  • Compressione

Esperienza pratica

  • Palpazione cranio a 5 dita e presa fronto occipitale , individuare quadranti ipomobili, individuare schema prevalente
  • Palpazione sacro fra le iliache e individuare schema prevalente
  • TECNICHE: DECOMPRESSIONE SSB: tecnica sulla volta cranica,
  • Tecnica intraorale
  • Drenaggio seni venosi dura madre

MODULO 4

GIORNO 1

Riassunto MRP, SSB, SCHEMI DI CRANIO e SACRO
Correlazione cranio e postura del paziente

  • Sfera anteriore e sfera posteriore, quadranti del cranio e correlazione con cingoli scapolare e pelvico, schemi posturali associati

Esperienza pratica

Palpazione cranio a 5 dita e osservazione postura, individuazione quadrante ipomobile, palpazione suture

NEUROCRANIO e SPLANCNOCRANIO

  • Sviluppo embriologico della faccia Nervi cranici anatomia e funzione
  • Funzione visiva
  • Funzione uditiva
  • Funzione vestibolare
  • Sistema trigeminale
  • Funzione vagale
  • Sistema Nervoso Autonomo Orto e Parasimpatico in ambito craniale

Esperienza pratica:

  • palpazione orbita,
  • palpazione temporali
  • palpazione mascellari
  • palpazione mandibola e ioide

Casi clinici

Test funzionali:

  • Funzione visiva funzione
  • Masticatoria
  • Funzione deglutitoria

Tecniche:

  • Tecnica: decompressione sacro
  • Tecnica di padre Tom sui temporali

GIORNO 2

La Sincondrosi Sfeno Basilare

  • Anatomia Sfenoide
  • Anatomia Occipite

Assi di movimento e schemi funzionali della SSB

  • Flesso Estensione
  • Flessione
  • Estensione
  • Torsione
  • Flessione Laterale Rotazione
  • Strain Verticale Sfenoide Alto
  • Strain Verticale Sfenoide Basso Strain Laterale Compressi0one

Ossa della base cranica e Ossa della Volta

  • Come si muovono in base alla SSB

Quadranti Anteriori e Posteriori del cranio
Quali ossa e come si muovono
Assi di movimento e schemi funzionali del Sacro fra le iliache

  • Flesso estensione
  • Flessione
  • Estensione
  • Torsione
  • Compressione

Esperienza pratica

  • Palpazione cranio a 5 dita e presa fronto occipitale, individuare quadranti ipomobili, individuare schema prevalente
  • Palpazione del sacro fra le iliache e individuare schema prevalente
  • Tecniche:
    • decompressione della SSB
    • tecnica sulla volta cranica
    • Tecnica intraorale
    • Drenaggio seni venosi dura madre

MODULO 5

Teoria e pratica
Esame obiettivo del tratto cervicale:

  • Ispezione
  • Bilancio articolare
  • Valutazione delle asimmetrie cranio-facciali
  • Valutazione del sistema visivo
  • Valutazione osso ioide e ossa craniche
  • Test evocativi
  • Test neurodinamici
  • Test di Adson
  • Test di Roos
  • Test di Eden

Teoria

  • Correlazioni tra mal di testa e trigger point muscolari
  • La fascia cervicale superficiale
  • La fascia cervicale media
  • La fascia cervicale profonda
  • L’osso ioide
  • Muscoli anteriori del collo
  • Muscoli posteriori del collo

Pratica

  • L’ascolto fasciale, sensibilizzazione manuale
  • Trattamento della fascia cervicale superficiale, media e profonda
  • Valutazione dell’osso ioide e suo trattamento
  • Trattamento dei muscoli sovra-ioidei
  • Trattamento dello scom con tecnica fasciale e con trigger point
  • Trattamento del muscolo trapezio con tecnica fasciale e trigger point
  • Pompage dei muscoli posteriori del collo
  • Trattamento della base cranica
  • Trattamento strutturale della disfunzione della prima costa
  • Trattamento vascolare delle arterie vertebrali
  • Valutazione e trattamento della mandibola
  • Trattamento dei muscoli masseteri
  • Trattamento dei muscoli pterigoidei interni

MODULO 6

GIORNO 1

Teoria

  • • Anatomia del bacino
    • L’osso dell’anca
    • L’osso sacro e il coccige
    • Sistema legamentoso di sostegno
    • I muscoli dell’anca
    • Neurologia
  • Fisiologia e biomeccanica del bacino
    • ìConversione anteriore e conversione posteriore
    • ìAssi di movimento sacrali
    • ìAssi patologici di movimento
    • Flessione/estensione sacrale
    • Nutazione e contronutazione
    • Le torsioni sacrali

Pratica

  • Valutazione delle disfunzioni iliache
    • Test di Downing
    • Test di valutazione della disfunzione ileo-sacrale (TFE)
    • Pelvic roll
    • Test per la sinfisi pubica
  • Trattamento delle disfunzioni iliache e pubiche
    • Trattamento per ileo anteriore
    • Trattamento per ileo posteriore
    • Trattamento delle disfunzioni iliache atipiche: out-flair e in-flair
    • Trattamento per le disfunzioni del pube superiore e inferiore

GIORNO 2

Teoria

Valutazione delle disfunzioni sacrali

  • Test della flessione seduto (TFS)
  • Test del rimbalzo
  • Test respiratorio
  • Roking test
  • Spring test
  • Test provocativi: compressione, distrazione, Gheislen test, Faber test, thrust test, thigh thrust
  • Valutazione delle disfunzioni sacrali in flessione/estensione bilaterale
  • Valutazione delle disfunzioni sacrali in flessione/estensione unilaterali
  • Valutazione delle disfunzioni sacrali in torsione: TDD, TSS, TDS, TSD

Pratica

Trattamento delle disfunzioni sacro-iliache

  • Sacro in flessione/estensione bilaterale
  • Sacro in flessione/estensione unilaterali
  • Le torsioni sacrali: TDD, TSS, TDS, TSD

MODULO 7

Il modello di Coaching Strategico

  • L’analisi della tentata soluzione ridondante
  • La ricerca delle eccezioni e l’intervento orientato alla soluzione

Sbloccare le incapacità personali: trasformare i limiti in risorse

  • Le incapacità evolute
  • Le incapacità primarie

Comunicazione non verbale

  • postura,
  • andatura,
  • uso dello sguardo.

I 5 assiomi della comunicazione umana
Le forme sottili della persuasione.

  • La struttura del dialogo strategico.
    • Le domande discriminanti, orientanti, a illusione di alternativa di risposta.
    • Domande strategiche: investigare per orientare nuove prospettive.
    • Aumentare le possibilità di scelta.
    • Le parafrasi ristrutturanti: ridefinire la forma e i contenuti per creare alternative di cambiamento.
    • Gli enunciati e le formule evocative: il linguaggio che evoca emozioni correttive.
    • Riassumere per ridefinire.
    • Indicare cosa fare come scoperta congiunta.

MODULO 8

Teoria di base della MTC (Yin- Yang, i 5 elementi e le 5 trasformazioni, il sistema muscolo-organo-meridiano, la teoria degli Zang-Fu ovvero organi e visceri, i meridiani, le sei stratificazioni energetiche).

  • I 5 elementi, le 5 trasformazioni e loro relazioni con le emozioni
  • Gli Shen (ovvero le varie anime abbinate agli organi)
  • Il trattamento dei rami principali dei meridiani classici

MODULO 9

  • Punti Shu e punti Mu (diagnosi e trattamento dei visceri attraverso questi punti)
  • Tecniche e strumenti pressori (il palmo, il pollice, le dita, il taglio della mano. il pugno, il gomito, il ginocchio, i piedi)
  • L'uso dei principali punti in relazione alle varie condizioni fisiche, emozionali e mentali

MODULO 10

GIORNO 1

Mattina

Paziente odontoiatrico: perché e su cosa lavorare in collaborazione con odontoiatra

Il sistema stomatognatico:

  • embriologia (sviluppo archi branchiali)
  • anatomia splancnocranio: ossa, muscoli
  • il sistema trigeminale
  • vascolarizzazione
  • articolazione temporo mandibolare

Fisiologia delle funzioni orali: deglutizione respirazione fonazione masticazione

Occlusione dentale: denti -muscoli -atm-ossa craniche -lingua

Pratica

Esame orale del paziente: occlusione dentale, palpazione mm masticatori, palpazione atm, esame deglutizione

Pomeriggio

Relazioni con il sistema posturale: osso ioide; clavicola, colonna cervicale

Relazione con il sistema visivo

Relazione con il cranio (forma arcate, stato del cranio)

Pratica: palpazione cranio, palpazione mascellari, palatini, vomere, mandibola

Relazione occlusione -cranio, palpazione orbita-temporale

GIORNO 2

Mattina

Come individuare primarieta’ nel paz in cura odontoiatrica

Tests diagnostici

Il paziente ortodontico in crescita

Il paziente ortodontico adulto

Il paziente gnatologico

Il paziente protesico

Pratica: tecniche di decompressione atm

Pomeriggio

Pratica: test diagnostici kinesiologici e palpatori

Casi clinici

MODULO 11

Giorno 1

Mattina

  • Introduzione all’età pediatrica e “fasce temporali sensibili” per i vari aspetti dello sviluppo dell’individuo
  • Ruolo degli Operatori della Salute in età pediatrica: salutogenesi e informazione ai genitori, promozione della salute
  • Soggettività del paziente: costituzione, temperamento, ambiente
  • Schema di visita: accoglienza a genitori e bambino (setting); motivo della visita; anamnesi, esame obiettivo; tenica, consigli/esercizi a casa, timing controlli successivi
  • comunicazione con famiglia e con il medico pediatra
  • I primi 1000 giorni di vita: concepimento, gravidanza, nascita, allattamento, sviluppo neuropsicomotorio
  • Geni ed epigenetica
  • Buone pratiche nei 1000 giorni (alimentazione, esposizione a fattori inquinanti, stress materno fetale, vissuto emotivo materno e familiare, modalità di parto, allattamento, svezzamento, tipo di accudimento, attività da svolgere con il bambino)
  • Motivi frequenti di consulto (asimmetrie cranio posturali, coliche reflusso stipsi, sonno, difficoltà di allattamento, pianto, ritardo nelle tappe motorie)
  • Red flags (consulto specialista): suture cranio, tappe di sviluppo
  • Casi clinici: schema di visita

Pomeriggio

  • Età prescolare 3-5 anni
  • Socialità e sviluppo neuropsicomotorio
  • Buone pratiche (alimentazione, sonno, esposizione a inquinanti, attività motoria, uso della tecnologia)
  • Motivi frequenti di consulto: goffaggine motoria, sonno, controllo sfinteri, valutazione postura, difficoltà di linguaggio, frequenti malattie infettive
  • red flags (consulto specialista): scoliosi, deambulazione, appoggio plantare, malocclusione dentale
  • casi clinici: schema di visita

Giorno 2

Mattina

  • Età scolare 6-11 anni
  • Socialità e sviluppo neuropsicomotorio
  • Prepubertà e pubertà
  • Approccio al paziente e alla famiglia
  • Buone pratiche (alimentazione, sonno, uso tecnologia, attività sportiva)
  • Motivi frequenti di consulto: valutazione postura, malocclusione (ortodonzia), difficoltà lettoscrittura o matematica, difficoltà di concentrazione, goffaggine motoria, infortuni sportivi, algie
  • Red flags (consulto specialista) scoliosi/cifosi, malocclusione dentale, iperattività, difficoltà nell’eseguire i test di valutazione
  • Casi clinici: schema di visita

Pomeriggio

  • Adolescenza 12-18 anni
  • Socialità e sviluppo psico emotivo
  • Approccio al paziente e alla famiglia
  • Motivi frequenti di consulto: valutazione postura, invio da medici specialisti, infortuni, algie
  • Red flags (consulto specialista) malocclusione dentale, scoliosi /cifosi, infortuni sportivi ricorrenti
  • Casi clinici. Schema di visita

MODULO 12

Le emozioni primarie, paura, dolore, rabbia, paura

Le forme di paura

  • La paura di sbagliare
  • La paura di non essere all’altezza
  • La paura di esporsi
  • La paura di non avere o di perdere il controllo
  • La paura del conflitto

Gestire la paura delle decisioni

I dolori vissuti

  • Strategie e stratagemmi per superare i traumi fisici
  • Strategie e stratagemmi per superare i dolori emotivi

La rabbia

  • Strategie e stratagemmi per gestire la rabbia
  • Strategie e stratagemmi per riuscire a far defluire la rabbia
Fisioterapisti
Osteopati
Massofisioterapisti
Medici
Studenti dell'ultimo anno del C.d.L.

Nessuna recensione disponibile per questo prodotto.

Autenticati per poter scrivere una recensione. Accedi

Condividi su:


L'organizzazione è lieta di offrire la colazione di lavoro durante i corsi che si svolgeranno presso il Teaching Center di EdiAcademy a Milano

La quota comprende:

• coffee break
• zainetto o cartella porta documenti
• attestato di partecipazione
• crediti ECM
• dispense digitali
• ampio parcheggio
• WiFi

ECM

Provider: edi.artes SRL n.6368
Crediti ECM: 48+50
Obiettivo formativo: Contenuti tecnico-professionali (conoscenze e competenze) specifici di ciascuna professione, di ciascuna specializzazione e di ciascuna attività ultraspecialistica, ivi incluse le malattie rare e la medicina di genere