METODO JONES STRAIN COUNTERSTRAIN: TERAPIA MANUALE PER RACHIDE

630,00 €
ALTRI SCONTI E OFFERTE

Docente: Erik E. Gandino

MILANO + FAD asincrona

26-28 marzo 2021

tre giorni, 26 ore

26 crediti ECM

Destinatari: Medici (fisiatria, ortopedia, sport, MMG), Odontoiatri Fisioterapisti (titolo equipollente DM 27/7/00), Osteopati e Chiropratici (previa valutazione dell’istituto di formazione)

SCARICA IL PROGRAMMA

Il Jones Institute garantisce una formazione avanzata di tipo specialistico in medicina manuale. Grazie al notevole approfondimento di nozioni fornite dal corso e le conoscenze delle più recenti scoperte in ambito neurofisiologico, ci prefiggiamo l’obiettivo di perfezionare i professionisti esperti e di formare in modo efficace e non dispersivo i partecipanti alle prime armi, rendendo alla fine del corso tutti gli operatori immediatamente autonomi e capaci di trattare con successo oltre 70 disfunzioni somatiche e la loro relazione muscoloscheletrica e viscerale.

Principali algie trattate in questo corso: sindrome d’Arnold, cefalee primarie, vertigini, cervicalgie di varia natura, colpi di frusta, cervicobrachialgie, dolori sternali, dispnea, dolore precordiale,  dorsalgie, dolore rachideo diffuso, dolore rachideo localizzato, lombalgie, sciatalgie, cruralgie, miofasciti, accenni sui molti disturbi viscero-organici che possono essere trattati con il Counterstrain.

Peculiarità della tecnica

  • Comprensione delle basi pato-neuro-fisiologiche all’origine delle disfunzioni somatiche
  • Sviluppo e affinamento delle capacità palpatorie sulle disfunzioni muscolo-scheletriche
  • Avere una grande specificità diagnostica, con la possibilità di scansionare l’intero corpo in meno di 2 minuti
  • Impostare un esame clinico e funzionale, costruendo un progetto terapeutico rapido e duraturo
  • Straordinaria facilità di esecuzione della tecnica per qualunque disfunzione in atto
  • Immediata applicabilità pratica sul paziente, in qualsiasi condizione algica
  • Riduzione drastica dei tempi di trattamento in una o poche sedute
  • Ottenimento di risultati immediati e visibili sul paziente già dalla prima visita
  • Capacità di modificare e risolvere in poche sedute: vizi, asimmetrie e atteggiamenti posturali anche radicati da anni nel paziente
  • Completa risoluzione della disfunzione somatica in soli 90” e con le ultime evoluzioni della tecnica in solo 15, 10, 3 e 1 secondo di esecuzione
  • Completa autonomia di lavoro da parte dell’operatore dopo ogni singolo corso
  • Utilizzazione di una tecnica manuale assolutamente indolore e non traumatica per il paziente
  • Assoluta mancanza di controindicazioni nell’utilizzo della tecnica su qualunque tipo di paziente
  • Unico sistema osteopatico che permette di valutare l’esatto stato di disfunzione articolare in un istante; utilizzando punti diagnostici caratteristici, da Jones chiamati “Tender Point”
  • Unico sistema codificato che identifica aree specifiche sul versante anteriore del corpo legate a disfunzioni e dolori posteriori
  • Unico metodo al mondo in grado di agire su molteplici sistemi; infatti esso è applicabile con risultati sbalorditivi sull’apparato muscolo-scheletrico, il craniale, l’apparato fasciale, il viscerale, il sistema nervoso periferico, il sistema arterioso e linfatico, tutte strutture contrattili innervate
  • Possibilità di lavorare senza fatica alcuna per l’operatore, grazie a tale approccio neurologico e passivo
  • Possibilità di integrare la metodica con qualsiasi tecnica di lavoro già conosciuta dall’operatore
  • Riprogrammazione reale, profonda e tangibile del sistema nervoso centrale
  • Avere le conoscenze per impostare un programma di esercizi neurologici di mantenimento per il paziente

SPECIFICHE DELLA DIDATTICA:

il corso è diviso in diverse aree (es: rachide cervicale anteriore, rachide cervicale posteriore)

TEORIA - IN FAD - Per ogni area vi è un’esposizione orale dove si affronteranno:

  • Anatomo-fisiopatologia dell’area suddetta
  • Nella spiegazione dell’area dei tender point in esame si definirà: sede, localizzazione, sensazione palpatoria, tender point più comuni
  • Nella spiegazione del dolore si definirà: differenti algie tra tender point anteriori e posteriori, sintomatologia specifica per ogni tender point, possibili aree d’irradiazione del dolore
  • Per quanto riguarda l’atteggiamento corporeo s’insegnerà a valutare: postura assunta dal paziente con specifici tender point, attività che peggiorano o migliorano la sintomatologia, posizioni antalgiche assunte nelle varie stazioni (eretta, seduta, distesa)
  • Inerente al trattamento: come affrontare ogni tender point e come sequenziare il trattamento

PRATICA - IN AULA - Per ogni area vi è un’esposizione pratica dove si affronteranno:

  • Localizzazione dei vari tender point nell’area e tecnica per la loro risoluzione
  • Dimostrazione pratica di come trattare ogni specifico tender point
  • Descrizione della sensazione palpatoria del tender point durante le diverse fasi del trattamento
  • Particolare enfasi sulla corretta posizione dell’operatore per ogni tecnica
  • Particolare attenzione sull’uso del corpo dell’operatore nell’accurato posizionamento del paziente

Per ogni sezione esposta i partecipanti avranno a disposizione molto tempo per la pratica di gruppo.
I tempi d’esposizione e lavoro, così come l’ordine degli argomenti potrebbe variare da quello qui esposto.


VIDEO DI PRESENTAZIONE


 

TEORIA - IN FAD

  • Presentazione e Preparazione
  • Spiegazione del Counterstrain
    • Proiezione video Dr. Jones sul (SCS)
    • Benefici ed applicazione del Counterstrain
    • Come inserire l’(SCS) nel vostro armamentario
    Spiegazione percorso formativo SCS

DOVE TROVI LA FAD ASINCRONA
• Vai sul sito www.ediacademy.it
• Fai il login con user e password
• Accedi dalla barra del menù a I MIEI CORSI
• Seleziona il corso e guarda i contenuti


Prima giornata - orario 13.00-18.00


  • LEZIONE PRATICA in aula
  • Disfunzioni somatiche ed organiche collegate:
    • LATERALIZZAZIONE DELLA I CERVICALE
    • RARA ANTERIORIZZAZIONE DELLA IC
    • FLESSIONE DELLA I E II CERVICALE
    • FLESSIONE DELLA III CERVICALE
    • FLESSIONE DELLA VII CERVICALE
    • FLESSIONE DELLA V, VI, VII, (VIII) CERVICALE
  • Ripresa della lezione pratica del Counterstrain

Seconda giornata - orario 8.30-19.00


  • LEZIONE PRATICA in aula
  • Disfunzioni somatiche ed organiche collegate:
    • PUNTO INION I CERVICALE
    • ESTENSIONE DELLA I-II CERVICALE
    • ESTENSIONE DELLA III CERVICALE
    • ESTENSIONE DALLA IV-VII E (VIII) CERVICALE
  • Disfunzioni somatiche ed organiche collegate:
    • FLESSIONE DELLA I, II, III TORACICA
    • FLESSIONE DELLA IV, V, VI TORACICA
    • FLESSIONE DALLA VII-IX TORACICA
    • FLESSIONE DELLA X, XI, XII TORACICA
    • Ripresa della lezione pratica del Counterstrain
  • Spiegazione percorso formativo SCS

Terza giornata - orario 8.00-17.30


  • LEZIONE PRATICA in aula
  • Disfunzioni somatiche ed organiche collegate:
    • ESTENSIONE DELLA I E II TORACICA
    • ESTENSIONE DELLA III, IV E V TORACICA
    • ESTENSIONE DALLA VI - IX TORACICA
    • ESTENSIONE DELLA X, XI, XII TORACICA
    • ESTENSIONE DALLA I - V VERTEBRA LOMBARE
    • ESTENSIONE DALLA III-V° VERTEBRA LOMBARE SULL’ILEO
    • IV° e III VERTEBRA LOMBARE SULL’ILEO
    • QUADRATO DEI LOMBI
  • Disfunzioni somatiche ed organiche collegate:
    • FLESSIONE DALLA II-III-IV VERTEBRA LOMBARE
    • FLESSIONE DALLA V VERTEBRA LOMBARE
    • L2 ANTERIORE ADDOMINALE (AbL2)
  • Ripresa della lezione pratica del Counterstrain
    • DIAGNOSTICA DELL’INTERO CORPO

Valutazione ECM


Alla fine di questo corso i partecipanti saranno in grado di:


  • Sviluppare ed affinare a pieno le loro capacità palpatorie sulle disfunzioni rachido-pelviche
  • Comprendere le basi neurofisiologiche delle disfunzioni somatiche
  • “scansionare” tutta la colonna vertebrale
  • Impostare un esame clinico e funzionale, costruendo un progetto terapeutico rapido e duraturo
  • Trattare oltre 70 disfunzioni somatiche del rachide
  • Rilassare aree di tensione muscolare
  • Ripristinare la forza in muscoli neurologicamente indeboliti
  • Migliorare il “range” di mobilità articolare
  • Riprogrammare le catene muscolari
  • Ristabilire la simmetria del corpo
  • Ridurre il dolore nevralgico
  • Diminuire o eliminare il dolore nei segmenti trattati e il dolore da movimento
  • Ridurre l’edema locale
  • Riequilibrare le tensioni Fasciali
  • Riprogrammare in modo reale, profondo e tangibile il Sistema Nervoso Centrale
  • Modificare e risolvere in poche sedute vizi e atteggiamenti posturali anche radicati da anni
  • Ottenere risultati immediatamente e duraturi visibili sul paziente già dalla prima seduta
  • Utilizzare una tecnica manuale assolutamente indolore e non traumatica per il paziente
  • Lavorare tutto il giorno senza fatica alcuna, grazie a tale approccio neurologico passivo
  • Integrare la tecnica con qualsiasi metodica di lavoro già conosciuta
  • Avere le conoscenze per impostare un programma di esercizi neurologici di mantenimento per il paziente
Medici
Odontoiatri
Fisioterapisti
Osteopati
Studenti dell'ultimo anno del C.d.L.

Condividi su:


L'organizzazione è lieta di offrire la colazione di lavoro durante i corsi che si svolgeranno presso il Teachingcenter di EdiAcademy a Milano

La quota comprende:

• coffee break
• zainetto o cartella porta documenti
• attestato di partecipazione
• crediti ECM
• dispense digitali
• ampio parcheggio
• WiFi

ECM

Provider: edi.artes SRL n.6368
Crediti ECM: 26
Obiettivo formativo: Contenuti tecnico-professionali (conoscenze e competenze) specifici di ciascuna professione, di ciascuna specializzazione e di ciascuna attività ultraspecialistica, ivi incluse le malattie rare e la medicina di genere